Archive for the Poetry for the Masses Category

Emancipazione Petrolifera | Andrea Betti – La Felicità Terribile (2013)

Posted in Libri, Poetry for the Masses with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , on marzo 20, 2015 by Ass Cult Press

Introduzione all’emancipazione petrolifera

Più veloce del buio – amico dell’asimmetria – strabico forse, la rete del buio – strabico con la mano sul cazzo – a cercare l’infelicità, o sarebbe meglio dire nulla – non essere felici – non essere tristi – apprezzare e combattere il decadimento – ascolta la frana – il silenzio che sommerge ha la forma del fango – la presunzione di un’amante strangolata nel suo ruolo d’impiccata che ride, e non scende – e non scende dal suo patibolo – Viva alla faccia vostra – la noia ha lo sguardo di uno spermatozoo – forse l’ultimo colpo in canna – di chi è diventato – tragicamente ordinario – di chi ha scelto la via del bruco – una top model in giro col sacchetto della spazzatura, ordinaria, sciatta e sublime io sono – svuota le lacrime nel cesso – un vortice grasso, l’oceano buio e immobile, le cinque del mattino – l’aria risucchiata dal sole sa di limone marcio bocchino amaro e grappa puzzo di merda – strapparsi di dosso le mutande e scoprirsi bambola – cardiotester, ginnastica, dieta e buio. Sveglio.

Emancipazione Petrolifera

_037 >

A

Tremore, capezzoli dipinti di rosso – truccati come motorini, o come macchine della polizia – minacciosa e ferma la tagliola mi guarda, la mia zampa recisa, la lingua ruvida, i dentoni della puttana, parrucche d’ossidiana, istituzioni & prostituzuioni fanno girandolina, vertigo e tv color guardato di spalle, sulla parete…ed io sono il cono d’ombra ed anche la tua bocca e d’ombra cumulonembo sul prepuzio e poi precipizio, rocce che si sgretolano, carismi calanti, duci col braccino da nano simulano urlini velocizzati a 45rpm e pisellini da rockstar ma sembrano fans malpagate e forse sì, appagate – gli storici baffetti eruttano democrazia, platea butterata in plauso: la serietà, la responsabilità, l’allineamento e l’estasi – baffetti che lasciano miracolose macchie di rossetto su tazzine di caffè in porcellana madonna\che\piange – se piangi, se ridi – solo Gino [Gino de Dominicis, artista n.d.a.] l’ha fatta ridere! non si può continuare a venerare dei affranti o infrangerli continuando a deificarli i venerei no, no, no è giunta l’ora di crocifiggere buddha e vedere il suo sorriso idiota tramutarsi in urlo – il ricambio sta alla base della natura e i su’ processi – lo dice anche il meccanico fiat di fiducia – ed il processo o si perde o si vince o X – l’avvocato è solo una tua protesi costosa e, si dice, vivente – magnetofono umano e cosciente di sè, silicone di puppe criminose – soggettiva di scugnizzo in scooter per i vicoli – la sola luce del fanale illumina il turista con occhi sbarrati – tu mi fai orinare champagne!- donne nude si rifugiano ai suoi piedi – intanto in campagna un carosello di cloro da piscina sterilizza mille ettari di Terra, ed in piscina stanno senz’acqua su due materassini polverosi, due pseudomilionari col sigaro accanto a puttane morte all’alba sul fondo, fra le righe blu che movimentano il mosaico – bizantinismi? No, è la gerarchia che si paluda d’ori e occhiaie fino al suo acme – è piuttosto caravaggesca la vita nel suo risolversi da tali premesse – affiorare dal buio, deflorare nel buio ondulatori e senza cattiveria – solo tanta buona meschinità spalmabile per la tua merenda da campioni – un campione di football coi labbri sudici di cioccolata tiene in braccio una bambina e come Lenin indica il futuro (con una caccola sul dito)-

B

Turisti e futuristi boccheggiano a Venezia, mentre olimpionici fiorentini neorinascimentali, nazisti & baristi a inculata gemono 6000 lire per un cibino artificiale da microscopio elettronico dietro il loro volto marmoreo di smog e anglobarbarico – volgarità del Basso Impero, tutte le tronche con la “e” in fondo – do yu wante e sendwicce? – gli stolti pagano invocano benedizioni – la gotta ha comprato tutte le loro azioni & articolazioni mentre sacrificavano buoi ogni giorno al loro dio\stomaco – Stomachevole divinità – Venezia e Firenze ci provano con tutti i loro puzzi & dialetti a cacciare lo straniero – migliaia di persone che divorziano simultaneamente, anatomia e distacco, vivisezione di cuori\latrina – palazzoni oberati dal silenzio e dall’odio per gli animali, circondati da pestilenziali autodromi, zecche di monete ottenute dalla rottamazione agevolata e involontaria della tua auto, ebbro e sanguinante conio, un volto di carne e di profilo inciso e incassato nelle lamiere più bello della Nike di Samotracia un livido unico dalla bazza ai capelli che si staccano come fiori dalla mota – neri steli – centrifuga di miserie e bambini proibiti; è facile odiare la musica e gli animali se si vive così – è automatico – l’ambulanza è scolpita in fondo all’ingorgo e raffinati restauratori approntano le loro spatole per staccare l’affresco umano e già morto dalla sua nicchia di acciaio a buon mercato – più che una bara ci vorrebbe una busta, magari di quelle col pluriball oppure un tubo da disegni – il brigadiere intanto scrocca una malboro al morto, allontana i curiosi – odore di pasticceria – buio arancione – i turisti falcano a gambe gnude e ritorte come olivi albini le zone a traffico limitato, le aree pedonali, i mausolei, i ladri ricchi & poveri, i loro dimenticabili successi, un giocoliere, un cartomante, alcuni militari in libera uscita, sdentati e cellophanatisi i capellini corti vanno alla deriva convinti di divertirsi alle spalle del presidente della repubblica che riducchia da una foto ed elargisce uniformi demodè; il parlamento finge di votare, piove LSD su Roma ed i tifosi si bruciano come bonzi – le guerre sono faxate a bassa risoluzione, quadrettini e pixel che accentuano l’irrealtà – l’immaginario informativo esce 140 parole al minuto da bocche umane e liquide animate su sfondi a tinte piatte, gli occhi disegnati il naso finto, puppe & fagioli rifatti – un decennio di avanzi saltati in padella col burro d’arachidi e altri troiai americani, un decennio di fotocopie col toner finito all’infinito, un decennio di calchi di idee bloccate di novità inventate, un decennio conveniente: tutti gli altri decenni al prezzo di uno, una trincea chiamata eclettismo accoglie tutti dal dubbioso sincero allo squalo tigre e l’uomotigre non lotta contro il male ma lottizza molto, un decennio come un polpettone dopo la massacrante settimana gastronomica del novecento, quella che ha montato turbo intercooler ai ciuchi col barroccio senza anestesia, che ha deodorato col propano i proletari e i contadini, che ha trasmesso loro ideali per cui battersi coi baci perugina e casine d’acqua e zucchero di cento piani dove ogni scoreggia è una festa paesana e l’odio nel midollo spinale conta ogni globulo rosso annerito e minaccia “Verrà il giorno….” ed il giorno venne – un eclisse tumultuosa esplose il bubbone di sole frantumando i mille cerotti novecenteschi, le purulenze inondate di sangue fresco crepitavano travolte come dal magma – l’etna esplodeva fiori ceneri e neve – le simmetrie si rivoltarono come gatti feriti ed i cani da esposizione sbranarono braccia con orologione, le unghie limate ed il trofeo di latta in mano – le cinte murarie strabuzzarono sugna con volti di conoscenti e nemici a candirla, berretti di carabinieri per aria come granella, le cispe negli occhi a presa rapida accecarono piloti d’auto blu e il senatore, il primo ministro ed i lacchè finirono decapitati in fuga da una pala d’elicottero del regio esercito – un residuato di Fort Lauderdale in realtà, di quando i caccia venivano inghiottiti dal triangolo delle bermude e le bermude erano pantaloncini alla moda per twist sul panfilo con la gambina ramata e tutto ciò era decisamente sessuale, prosaico e maschilista ed i colori erano meno grigi e l’oceano per le nostre crociere era un suggestivo mestruo industriale blu, dipinto di blu con il colorante apposito e nocivo – negli anni sessanta era tutto più roseo, anche i prosciutti cotti – le sigarette facevano elegante, la benzina aveva più piombo d’una cannoniera e Moschè Daian era un eroe – anche kennedy – ora sì che abbiamo un bel daffare a levarci questa cingomma dalla suola, tutta spiaccicata com’è, impastata di terzi mondi e occhioni lacrimosi – è un bel dire siamo in troppi, e le astronavi per emigrare non ci sono finchè lo spettro di Einstein ci fa le linguacce e ci scherza “la velocità della luce non si raggiunge, non si supera….”….ma la velocità del buio? Ve lo siete mai chiesti? La materia nera….il petrolio….

C
Invaghitasi di un dolce petrolio notturno, passava tutti i tramonti alla fioca radiografia d’un lume, un fiammifero che appena sfregato emetteva un rosso fumetto di decadanza del sole con scritto “vissi d’arte…” – un effimero baloon di fiamma e accendeva il lume puzzolente della vita lo guardava senza cedere alla tentazione di sditalinarlo, una volta si bruciò i polpastrelli, polpastrelli alla griglia, roba da gran gourmet – era senza impronte digitali perciò analogiche, impareggiabile diva omologata, un’evaporata, una vanesia, una cazzona che legge segni e misteri in ogni chincaglieria cronologica in ogni sbuccino temporale – i fulmini sembravano nervi quella notte, la marmorizzavano come vasi capillari e come essi esplodevano e poi buio – le somiglianze delle cose organiche, mi chiedevo…vene e fulmini…mi chiedevo se la vita cosciente non è solo la somma di vite incoscienti e monocellulari coi celerini che spaccano il culo ai protestanti, così, da bravi cattolici, ma a ghigno duro e casco azzurro! l’arte permette di fare terrorismo senza morti nè feriti, forse feriti ai propri ideali ai propri interessi, il terrore di un’epoca il suo avvento, l’epoca del comune privilegio, l’avvenire – l’arte deve far soffrire questi nemici deve urtare le morali le religioni e le banche, rimescolarli come una polenta sennò tutto si raggruma – l’arte deve essere travaglio, travaglio spontaneo di partoriente, deve concepire – anche a costo dello stupro deve fecondare – l’arte che fa sì sì col capino diligente ed incassa il suo appannaggio di complice, che svariona fra spiritualismi mondati d’ogni spigolo ed estremità pungente, senz’angoli amorfa e streamline per sgusciare aerodinamica in un piccolo cielo di codici permessi e deputati…quella roba lì deve essere passata al frullatore, diventare una mousse, una crema acrilica, una tinta piatta di sfondo sulla quale affioreranno noccioli, cancri, grumi, grassi, muscoli, calcoli, nervi – la roba che non si omogeneizza, la roba che si corrompe – l’essere la roba che è – l’intelligenza svogliata fa le moine, chiede tempo, fa gli sforzi paonazzi come un cinquantenne puttaniere in palestra – il suo cuore di mocassini balla la rumba – è lucida lei a differenza del cervello sfrangiata giacca da cowboy presa a prestito da john vein, ancora polverosa di cavalcate nel deserto – altri 6.000.000.000 di individui ne hanno una uguale, originale eh? un pezzo unico…
La puerpera s’ammanta di crostacei fritti, le voglie la strizzano e la risciacquano, il creaturino reclama cibo, s’apre lo spioncino dell’ombelico materno e come una massaia sospettosa osserva il rappresentante che vuole vendergli il mondo: decide di autoabortirsi – ogni mamma è come un sommergibile, anzi il suo opposto – il liquido (amniotico) sta dentro non fuori, così come il piccante periscopio – il piccolo osserva dallo spioncino – miliardi di cuccioli di topo, neonati fuggono terrorizzati da una mostra – cosa può averli così atterriti? certo che la mostra è sorella al mostro, ma hanno ancora gli occhi chiusi…a volte basta il puzzo, l’odore della paura fa fare cose impensabili – ecco ora allunga il braccino dal buco della madre svampita che giocherella col petrolio, e coglie un topolino: è vestito cool coi pantaloncioni e le scarpe da skeit – il piccolo si decide ad uscire – è timido e viscido come una lumaca le sue antenne strascicano sul marciapiede, la madre non s’accorge di nulla – ma lui è fuggito – lui è tutto brodoso e immobile dado gelatina trepidante cucchiaino d’argento inghiottito in essa – proiettile – pian piano secca s’incartapecorisce diviene merda di cane estiva – polverizzato, alcune parti ancora grattugiabili su zucche insipide e superbiose, ma è inutile – un caso di aborto spregevole dove la madre non si è accorta di nulla e crede di trovare altrove suo figlio in una gravidanza isterica al termine del ciclo quando una saccoccia oleosa e urlante la sventrerà amichevolmente e chiederà nella lingua prebabelica dei neonati ” dov’è la mia anima? perchè l’hai fatta scivolare via sulle tue coscione depilate come un rivolo di mestruo? che sbadata che sei! quella roba morta è petrolio cara mamma, eri ricca! non lo bruciare inutilmente prima delle notti di luna nuova quelle notti senza luna e senza stelle, quando il buio è così denso ed implacabile che la fiaccola si fa necessaria – solo allora accendi la fiaccola che brucia il buio per ottenere la luce, la materia nera che compone il 90% dell’ esistente vuole questo tipo di fiaccola – non le lunatiche notti estive ed invernali ed i chiari crepuscoli – parlo di notti cosmiche degli abissi della terra e le gole, il dentro degli organismi e delle madri a palpebre spente nel sonno profondo, gli abissi oceanici; la notte sull’atlantico e le bombe di profondità che vi implodono senza rilasciare nessuna forma di luce, il nero…sono tutt’uno con la roba che sta in mezzo alle stelle, con quello sfondo al quale siamo tutti appesi e messi in belle evidenza, sul nero, il passepartout che la luce nega e le dimensioni ingoia – e si proclama unica sanguinaria ideologia, unica religione, unico e percio negazione di ogni molteplice sberleffo interpretativo, unico perchè in questa densa deprivazione sensoriale a l’uomo non rimane che tacere – i giochi di luce ingannano – il petrolio è costante e inspiegato è una sicurezza trovare la nera amalgama del cosmo anche qui sulla terra, in forma semi solida, fluida sempre pronta a divenire roccia o etere – indecisa manifestazione divina della giustezza del ricco, il suo cappellone texano, il suo sorriso beffardo, la sua essenza sotto gli stivali. Come hai potuto sposare un simile mos

__________________________

da “La Felicità Terribile
Ass Cult Press 2013 – di Andrea Betti
__________________________

Andrea Betti
Tutti i diritti riservati © 2013

__________________________

image

Annunci

La Fiera dell’Urto di Vomito | Andrea Betti – La Felicità Terribile (2013)

Posted in Libri, Poetry for the Masses with tags , , , , , , , , , , , , , , on luglio 9, 2014 by Ass Cult Press

La Fiera dell’Urto di Vomito

Benvenuti alla fiera dell’urto di vomito,
dove i manifesti son schizzi d’amore e le lotte dei Galli e le scommesse, per sciccheria, si fanno in francese avec un sanglant chemi-sier de Gautier le blanc chemisier, maintenant rouge
Rien vas plus – il giuoco è fatto, la beccata nella pupilla avversa, le creste macinate nell’agone
e l’imbonitore fava, dietro al bancone de’ panforti e de’ sanguinacci. Attraverso torroni, croccanti, brigidini e cilinghe infestati di sudore, le braccia pelose d’avventori donne, uomini e bambini, unti dalla purpurea benedizione d’una Processione, altalenante trofeo di Vergine in ciclo
Vergine in lagrime, sangue & arena. Sorretta da Chierici edonisti impasticcati la miracolosa preme il dolce calcagno sulla testa recisa d’un Toro scatenato e poi scannato in sua grazia, ed il suo occhio bufalino e opaco vede e riflette:

– omuncole in sciarpina rosa e piumino totale, gonnella in gabardina macchiata di bistro di mammà e cioccolatone negro strafondente, richiama il colore dei denti dei quattro Carabinieri in alta uniforme e bassa lega, pennacchio al cielo, fuoco d’artifizio retrostante… fa cilecca… moccolo gutturale del fuochista indigeno in tuta d’olio bono e olio di macchina, l’ascella pezzata Esso e la mascella spezzata,
– la ginnasta giovina sul tortino a tamburo esegue le grand-jetè: le madri piangono
– al pianoforte a pila la Sig.ra Gori con le dita smaltate e i ricignoli tinti di rosso, alita bunker, dirige con piglio emostatico, ferreo, indossa occhiali con catenella d’oro zecchino D’oro, gli amanti delle madri palpano culi stupefatti di figlie tredicenni, là , dove duole il brufol grosso –
– giovin signori in scuter e piattoni aerodinamici sfoggiano gelatine kevlar, colli sudici, e fauci spalancate sull’oblio cenobitico di hamburger di soia e lucertole vive, dispensati da un harekrsna: offeso per l’aggiunta animale al suo prodotto esterno lordo, lamenta un odio non corrisposto, non provato, mai spentosi. Inutilmente gorgheggia litanie rivolto a colei che mostra la carie del sorriso, come un ventre sensuale costellato di punti neri che chiama NEI e stelle implose, nane bianche al largo da ogni troiaggine sottocintura, sotto il fiocco del top stretto al grasso seno come nuove costole, per nuove genesi di un terzo sesso, il suo, maremma malaria! dalle cliniche di Casablanca al pronto soccorso mobile in Piazza: la Misericordia indossa giacche arancioni catarifrangenti su fieri ragazzoni briai, intenti a porgere impacchi ghiacciati ai rissosi del Biliardo, intellettuali della geometria di ogni tappeto verde coi polpastrelli intrisi di tre a mattoni e due di picche, esperimentatori di Grappe nardini ed estere doppio-malto esterrefatte turiste circumpolari decompongono e ricompongono la logica del Caratteristico e del Pittoresco, in un idioma piallante pieno di g e di k, ricostruiscono il paesaggio secondo i criteri Kantiani della cartolina, mandata agli amici per fargli dire, invidiosi:
“GKGK KGGGKK GKGHGKKGGGHGKKKGHKKKK!!!”
Acrobati e trapezzisti eroinomani, agguantano al braccio, piroettando la Soubrette di tutti gli Sballi, e i balli lisci fra damigiane di vuoto festeggiano alticci, la nascita della Tragedia e della figlia del Maresciallo, Itaglia, portata in trionfo dal vincitore universale del torneo di briscola a cui tutto il mondo deve svariati cognacchini e caffè – dalle sbarre di scantinati mugolano significativamente autoclave non invitati intanto crolla una palazzina in periferia, sventrata dai gas del suicida: trionfò la sera scorsa, nella pugna dei Borlotti rifatti salvia, ovo e scalogna di quella NERA, degli orti sempre più verdi di ogni vicino frontiera avversa di persiane sbatacchiate e persone abbacchiate sui coiti vertiginosi dei giòvani trsgrssivi a capello sciolto sotto la pioggia che rovina la festa e muta in fango i giardini fioriti.
– Cani Idrofobi nel buio delle logge del Comune ringhiano ad assenti testimoni di Geova; loro gli vendono Watchtower e quelli si convertono, asportandosi chirurgicamente, con un morso al cuore, l’odio dal loro petto. Un morso al petto come quello che sentì Ruggero nel vedere, cristallizzate chiazze di sperma altrui, sulle calze ad uncinetto della su’ fia GiovannaD’Arco, le sue lacrime non spensero il rogo, nemmeno la confessione al prete spippato né la penitenza sussurrata dietro una colonna fra la navata centrale, il pulpito e la tranvata finale: essa ebbe a inginocchiarsi sulla grata dei Matti, nascosti nelle cripte-cottolengo del Duomo, frutti dell’abominio di rapporti consanguinei fra mariti e mogli per bene, mugolava ancora le Glorie quando venne sorpresa. La lingua del matto, rigata di ruggine, ancora attaccata alla grata traboccava a scassadenti – la processione entra in chiesa lo sdegno pervade 4 dei 12 portatori sani di madonne, fra cui Ruggero – tutti fratelli senza saperlo,
il volto di porcellana della Vergine, riflette la luce delle candele alieno ad ogni peccato e ad ogni giustizia, ri-piange prima di sbriciolarsi al suolo – il prete spippato bestemmia
le grida della peccatrice si confondono a Romagna Mia, il cantante, offeso
alza la voce.

__________________________

da “La Felicità Terribile
Ass Cult Press 2013 – di Andrea Betti
__________________________

Andrea Betti
Tutti i diritti riservati © 2013

__________________________

image

Sole Forte Libro Caldo | La Felicità Terribile/Zucchero Spinato

Posted in Libri, Poetry for the Masses, Uscite with tags , , , , , , , , , , , , , on giugno 18, 2013 by Ass Cult Press

Tra il cactus e la monstera deliciosa sono visibili le prime cinque copie de “La Felicità Terribile/Zucchero Spinato” estratte dallo scatolone appena arrivato. Nei prossimi giorni arriverà direttamente a casa di chi ha sostenuto l’operazione. Chi, dubbioso, malfidato, più semplicemente animato dalla speranza di un fallimento, ha atteso la fine della campagna può richiedere una copia attraverso i canali soliti.

Il libro comprende la ristampa de “La Felicità Terribile”, la raccolta inedita “Zucchero Spinato” e una pregiata postfazione a 8 mani.

image

La Felicità Terribile | in anteprima la postfazione di Simone Molinaroli (4 di 4)

Posted in Libri, News, Poetry for the Masses, Uncategorized, Uscite on giugno 7, 2013 by Ass Cult Press

Questo scrive Simone Molinaroli nella postfazione a “La Felicità Terribile & Zucchero Spinato” di Andrea Betti

ATTACCARE L’ASINO  – postfazione di Simone Molinaroli a “La Felicità Terribile” di Andrea Betti

Il linguaggio è uno dei famigerati Asini del padrone. Lo si potrebbe pensare l’Asino più importante. Si suole dire che, per una vita tranquilla, esente da disturbi e agevolata dalla contiguità con una presupposta medietà dominante, è bene legare l’Asino dove vuole il padrone. Andrea Betti quell’Asino, non solo non l’ha legato, ma l’ha condotto a un abbeveratoio segreto sincerandosi che l’Asino bevesse. Che bevesse molto e non avesse a patire la sete nel lungo viaggio che l’aspettava. Hanno fatto un lungo giro e con molti anni di anticipo sul risveglio tardivo di molti, in anticipo anche sulla veglia dei pochi, insieme hanno preconizzato e profetizzato molto. Lontani dai luoghi della tecnolingua liberaldemocratica e dai suoi significati di cartone, Andrea e l’Asino sono andati al limite dell’irricevibile, del volutamente ignorato, del non più esprimibile. Decrescita felice e/o obbligata, diritti delle altre Specie e dell’ambiente, crisi economica, stato d’animo della crisi e conseguente retorica della crisi finalizzata all’accettazione passiva di ogni misura atta a disinnescarla. La catastrofe ambientale imminente, la crisi energetica, la deriva culturale, l’ignominia elevata a norma di comportamento pubblico e privato, le difficoltà delle democrazie come noi le conoscemmo o pensammo di conoscerle e il loro ripensarsi all’infinito fino all’impotenza operativa. Quel “nazismo di adesso” evocato in “Poesia Borghese” che possiamo tranquillamente censire in molte delle manifestazioni del contemporaneo. Un libro, quello di Andrea, che non trova conferma della sua bontà nell’avverarsi della sua parte profetica. Un libro che era convincente tredici anni fa ed è convincente adesso. Forte del coraggio di una scelta linguistica che scardina la resistenza della realtà “a bassa risoluzione” e della sua terribile e irresisitibile verve comica, che è propriamente ciò che lo rende altro da un edificante e profetico libro per ammaestrare folle già ampiamente ammaestrate a una terribile Felicità senza riso alcuno. È per me un grande onore e motivo di Felicità aver curato questa ristampa. Buona Lettura (se leggerete la postfazione prima di tutto il resto)

bozza-felicità-copertina-1000

La Felicità Terribile | in anteprima la postfazione di Rocco Traisci (3 di 4)

Posted in Libri, Poetry for the Masses, Uscite with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on giugno 6, 2013 by Ass Cult Press

Questo scrive Rocco Traisci nella postfazione a “La Felicità Terribile & Zucchero Spinato” di Andrea Betti

UNA LINGUA NATURALE CHE NESSUNA NATURA IDEÒ  – postfazione di Rocco Traisci a “La Felicità Terribile” di Andrea Betti

… e cazzo, quando ho sentito parlare per la prima volta di Andrea Betti mi dissero che era stato il cantante dei Go Insane, un gruppo di cui avevo letto recensioni incoraggianti in qualche fanzine di merda come se ne facevano a chili nei gloriosi inizi degli anni ’90. Erano i postumi dell’ubriacatura grunge, in pieni ventanni o poco più. Era il ’95 ed ero sbarcato da qualche mese in viale Adua periferia di Pistoia, percorrendo da Castellammare di Stabia 600 chilometri verso nord per pagare il mio debito formativo con l’esercito italiano, in qualità di obiettore di coscienza in un centro per disabili. E voi non avete idea di cosa sia viale Adua a febbraio, dove per sghiacciare il parabrezza della macchina bisognava accendere il motore e lasciarlo grugnire per un quarto d’ora. Insomma, quel Betti lì dovevo conoscerlo per forza se volevo sopravvivere alla conca dell’appennino. E così conobbi Ass Cult Press, di cui feci parte e con cui passai l’anno più intrigante della mia vita. Che dire. E’ cominciato tutto lì, in via de’ Fabbri o a Follonica. E la ‘Felicità Terribile’ mi insegnò che a Burroughs mancava solo il senso dell’umorismo di Andrea. Non dirò altro sul libro. Dirò solo che il Betti è uno scrittore che disegna linguaggi, li agita, li mangia, li esprime come Fellini esprimeva il pianto a dirotto del clown. La lingua di Andrea Betti è una lingua naturale ma che nessuna natura ideò, è genio che sottace dietro volti mai apparsi a bocca nuda, è la tenera debolezza del forzuto, il superomismo tartaglione degli invicti, il crasso odor vissuto dei teneri bimbi di nessuno, l’arte del disonore di chi s’appoggia a muri di piume, la disperata bracciata dei naufraghi verso pinne di squali a forma di tette…

bozza-felicità-copertina-1000

La Felicità Terribile | in anteprima la postfazione di Lorenzo Giuggioli (2 di 4)

Posted in Libri, Poetry for the Masses, Uscite with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on giugno 5, 2013 by Ass Cult Press

Questo scrive Lorenzo Giuggioli (www.dizlexiqa.com) de La Felicità Terribile di Andrea Betti.

CHI NON RIDE È PERDUTOpostfazione di Lorenzo Giuggioli a “La Felicità Terribile” di Andrea Betti

La prima volta che ho bussato alla porta di Ass Cult Press, allora come ora la miglior casa editrice sotterranea e illegale d’Italia, come tutta risposta mi è stato dato, tra gli altri, questo librino tutto nero, “la felicità terribile” di Andrea Betti.
Credo che fosse un modo per dissuadere impostori, benpensanti e moderati o addirittura per scoraggiare chiunque dallo scrivere: se lo leggerete e lo amerete come lo amo io, potrete capire cosa intendo.
Credevi nei tuoi vent’anni di essere incazzato, di saper scrivere e di avere una visione totale del mondo e ti riscoprivi una specie di chierichetto conservatore che teneva a stento in mano una penna.
Tu con le tue misere rabbie esistenziali e politiche da tarda adolescenza e questo che aveva già superato relativismo, nichilismo, speranza e pietà e ti propinava come un dato di fatto le macerie del mondo.
Dopo poche righe la coscienza, così tendente all’autostima o quantomeno all’autoconservazione, cercava un salvataggio nell’immaginazione: come sarà questo Andrea Betti, questo talentuosissimo figlio di puttana che maneggia la lingua, a poco più di vent’anni, come un Testori toscano di oggi?
Mi immaginavo una sorta di sventurato, un deforme alla Leopardi che nel buio della sua stanzetta passava il suo odiato tempo ad osservare il mondo e a detestarlo. Ma continuando la lettura l’immagine prendeva un corpo diverso: questo era il tipico postadolescente che se fosse nato in Colorado avrebbe imbracciato un mitra e sarebbe entrato in una scuola pubblica sparando all’impazzata. Probabilmente, come in ogni buona notizia che viene dall’America, alla fine si sarebbe suicidato.
Questo pensiero mi permetteva (ed ero solo al primo paragrafo) di non dover temere il confronto.
Ma era un trucco, e non sarebbe durato a lungo.
Ed infatti, all’altezza di “tutto il nulla…” l’immagine smetteva di funzionare e si caricava di nuove eventualità: Questo Betti poteva entrare in una scuola del Colorado ma alla fine non si sarebbe suicidato, e si sarebbe proclamato innocente.
O avrebbe sparato con armi finte, tanto per seminare terrore e poi ridere di chi se l’era fatta addosso.

O, proseguendo nella lettura, avrebbe sparato con pistole ad acqua, o si sarebbe messo in coda per iscriversi alla prima liceo, o avrebbe cantato a tutta voce “Bela Lugosi is dead”.
Conoscere Andrea è stato un sollievo. Perchè lui è tutto questo (a parte il deforme alla Leopardi) e molto altro: dategli del napalm e vi farà ammazzare dal ridere.
Sono (terribilmente) felice che si ristampi questo libro, mi aiuterà ancora nei miei distinguo nel genere umano: chi non ride è perduto, tristo e non sta capendo un cazzo.

bozza-felicità-copertina-1000

La Felicità Terribile | in anteprima la postfazione di Caterina Tritto (1 di 4)

Posted in Libri, Poetry for the Masses, Uscite with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on giugno 4, 2013 by Ass Cult Press

Ormai ci siamo. “La Felicità Terribile & Zucchero Spinato” di Andrea Betti è sulla via della ristampa. Per ingannare l’attesa, possiamo leggere cosa, di quel libro, hanno scritto nella postfazione a 8 mani gli amici di Andrea Betti. Per cominciare, Caterina Tritto:

È FINITA UN’EPOCApostfazione di Caterina Tritto a “La Felicità Terribile” di Andrea Betti

Bene, ogni volta che leggo La Felicità Terribile mi sento una ritardata e capiterà anche a voi cari miei.
Per questo ho deciso di astenermi da una prefazione ma elencherò quello che questa opera stra-ordinaria mi ha evocato:

Lo struggimento di Alphaville [Jean-Luc Godard, film del 1965] e di conseguenza Capitale del dolore [Paul Eluard], le atmosfere dark dei Joy Divison, Giacomo Balla e la velocità astratta, il filosofo Henri-Louis Bergson – credere nei dati immediati della coscienza -, il movimento arte nucleare dove “ La verità non ci appartiene: è dentro l’atomo”, Don Backy e Frank Zappa allo stesso tempo, la fotografia di Victor Cobo nel senso di estraniazione, decadenza, duplicità del reale e poi il concetto di felicità nella sua estensione, dall’antica Roma di Seneca e l’autocoscienza di sé all’approccio positivista di fine ottocento con il farmacologo e psicoterapeuta francese Emile Coué, che ideò il principio dell’autosuggestione cosciente. Ho pensato anche a John Keats, il grande poeta romantico inglese, il quale diceva che il vero genio esiste solo nella capacità di essere negativi. Ho pensato a troppe cose. Cercatele pure voi. Il libro di Andrea Betti è un viaggio allucinante, un trip semantico, in cui la ricerca della felicità può sembrare un concetto di branding, che poco a poco è stato applicato alle persone. E come si arriva ad essere felici? Cambiando prospettiva: accettando il fatto che nella vita serve l’alternanza. Eventi positivi e negativi. Le tecniche per arrivare a questa saggezza semplice le hanno inventate gli antichi. Il memento mori non era altro che la coscienza della mortalità accettata come fatto, ed elevata a motivazione per essere felici.

Io, personalmente, ringrazio l’amico ed autore, con cui ho sperimentato indimenticabili momenti di alternanza.

bozza-felicità-copertina-1000